PREZIOSO CONTRIBUTO NELLA DIFESA DEL CONTRIBUENTE a cura di Guido Martinelli
1 Ottobre 2019
CENSIMENTO 2017 ISTITUZIONI NON PROFIT: STRUTTURA E PROFILI DEL SETTORE
14 Ottobre 2019

RIORDINO DELLO SPORT O RIORDINO DEL CONI? COMMENTO ALLA LEGGE DELEGA SUL RIORDINO DELL’ORDINAMENTO SPORTIVO – QUARTA PARTE – A CURA DI SIMONE BOSCHI

Simone Boschi, Commercialista in Firenze e Professionista del Terzo Settore e dello Sport, prosegue, in esclusiva per questo sito, il poderoso lavoro a commento della Legge 8 agosto 2019, n. 86, recante le Deleghe al Governo e altre disposizioni in materia di ordinamento sportivo, di professioni sportive nonché di semplificazione, e di cui sono state già pubblicate tre parti rispettivamente il 7, 21, e 30 agosto c.a.

Questa quarta parte è quasi totalmente dedicata al “titolo sportivo”, così come definito dall’art. 3 della Legge 86, ovvero quale “insieme delle condizioni che consentono la partecipazione di una società sportiva (non necessariamente dilettantistica, n.d.r.) ad una determinata competizione nazionale, qualora ammessi dalle singole federazioni sportive nazionali o discipline sportive associate e nel rispetto dei regolamenti da esse emanati”.

Nel ricordare che la norma è immediatamente esecutiva, l’Autore si pone in prima istanza il problema di quali metodologie estimative adottare per tradurre il titolo in soldi, tenuto conto che gli asset intangibili possono essere economicamente sfuggevoli e poco misurabili ma certamente rappresentano un added value agli occhi dell’investitore.

Da dichiarato tifoso della Viola, poi, Simone Boschi, ci riporta (i riferimenti storiografici costituiscono una prerogativa della narrazione del Guelfo) ai fatti del 2002 legati al fallimento della Fiorentina allorché con la vittoria nel campionato di C2 , i toscani poterono iscriversi al campionato di serie B per “meriti sportivi”.

L’ultima parte dell’approfondimento è dedicata all’art. 4 della Legge Delega (norma pure immediatamente esecutiva) che introduce una novità in seno alla Legge 91/81 in materia di rapporti tra società e sportivi professionisti, disponendo che gli atti costitutivi delle Società Sportive Professionistiche prevedano la presenza di un organo consultivo cui delegare la tutela degli interessi specifici dei tifosi attraverso pareri obbligatori ma non vincolanti.

Come sempre, il lavoro è impreziosito da ampi richiami alle norme (FIGC NOIF, Regolamento organico Federbasket, Regolamento Affiliazione e Tesseramento FIPAV).

L’approfondimento di Simone Boschi, per il quale viene dall’Autore annunciata una prossima quinta parte, va vieppiù assumendo il carattere di “opera” completa di analisi della Legge 86 che, per quanto a conoscenza di chi scrive, non trova attualmente lavori di pari ampiezza.

Si ricorda che è possibile dialogare o chiedere consulenza su questo e su altri argomenti al Dott. Simone Boschi prenotando un incontro in VIDEOCONFERENZA (http://professionistiterzosettore.com/videoconferenze/); per conoscere condizioni e modalità potete scrivere a info@professionistiterzosettore.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *